GEORGE. Una storia semplice.

GEORGE

Inauguriamo questa nuova rubrica del blog “La libreria della Formica Viola” con questo libro che racconta una storia piena di emozioni.

Alex Gino, autore americano di questo bellissimo romanzo, ha impiegato ben 12 anni a raccontare, soppesando ogni singola parola, la vita di George, un bambino di 10 anni che sente di essere una bambina e che nel suo mondo segreto ha un altro nome: Melissa.

Quello che da subito mi ha colpito di questa storia, nel suo stile narrativo, è la sensazione, fin dalle primissime pagine, di sentirsi dalla parte di George: per tutta la durata del libro infatti, per George, aggettivi e pronomi sono declinati al femminile. Si crea quindi da subito un legame tra protagonista e chi legge, così che, man mano che la storia prosegue, si rimane incuriositi e affascinati dalle reazioni degli altri personaggi quando, ad esempio, George finalmente riesce a confidare questo suo importante “segreto” oppure quando grazie alla sua migliore amica, Kelly, George avrà la possibilità di sperimentarsi, conoscersi e viversi in situazioni da sempre solo sognate affrontando l’ondata emotiva che la pervaderà in un mix tra eccitazione, gioia e paura.

In diversi ambienti, George dovrà combattere la sua battaglia per affermare se stessa, rendendo naturale agli occhi degli altri quella che è la sua natura. A scuola, ad esempio, sarà la recita “La tela di Carlotta”, messa in scena ogni anno dalle quarte elementari, l’occasione giusta per dimostrare a tutti che lei è una bambina, interpretando la parte della protagonista. La scusa di calarsi in un personaggio la legittima ad essere se stessa, senza dare spiegazioni. A casa, invece, la madre, pur avendo colto dei segnali, fa di tutto per evitare di affrontare la questione non ponendo domande per il timore di ricevere risposte che potrebbero minare certezze.

Non è mia intenzione raccontarvi troppo ma posso certamente dirvi che questo è un libro che, nella sua semplicità e accessibilità di linguaggio pensato anche per adolescenti, conduce chi legge all’interno di un mondo troppo spesso ignorato e che al contrario avrebbe bisogno di maggiore visibilità nell’intento ultimo di decostruire stereotipi, conoscere l’altro da sé e imparare ed educare al rispetto delle differenze. George non è un libro sul transessualismo ma è una storia, semplice nella sua complessità, che mi sento di consigliare a tutti.

Davide Silvestri

Alex Gino, George, 2015, Mondadori, 149 pg.

“Quando si guardò allo specchio, le mancò il fiato.

E a Melissa anche. Rimase immobile a lungo,o-alex-gino-570

senza fare altro che sbattere le ciglia.

Poi George sorrise, 

e sorrise anche Melissa”.

Annunci

Insegnanti… occhio ai progetti!

libri-di-scuola

In questi giorni i docenti delle scuole italiane sono chiamati a valutare ed approvare i progetti proposti, per inserirli eventualmente nel P.O.F. (Piano dell’Offerta Formativa). Questo è un documento col quale la scuola comunica all’esterno le attività che vengono svolte all’interno dell’Istituto. Esse comprendono sia le attività curricolari, ossia le ore di lezione svolte dai docenti che operano nella scuola, sia le attività extra-curricolari, ossia attività che vanno ad ampliare l’offerta formativa con progetti riferiti ad ambiti specifici.
Questi progetti possono essere presentati o dagli stessi docenti dell’Istituto, o essere proposti da esperti esterni, che mettono a disposizione della scuola la loro professionalità e competenza su una specifica tematica.

Fra questi ultimi ci possono essere progetti, in apparenza molto accattivanti, che si propongono di affrontare in modo innovativo temi delicati quali l’educazione all’affettività ed alla sessualità. Gli insegnanti, che spesso si sentono inadeguati ad affrontare questo tipo di tematiche, sia per la mancanza di competenze specifiche, sia per la difficoltà di trattare questi temi con gli alunni, potrebbero essere portati, dopo una lettura superficiale, ad approvare volentieri progetti di questo tipo.

È necessario, però, verificare innanzitutto la fondatezza scientifica degli argomenti trattati e il rispetto dei principi su cui si basa l’attività della scuola. Come fare?
Quello che ci sentiamo di consigliare come associazione di promozione sociale e culturale è sicuramente di indagare sulle reali intenzioni e le fonti da cui nascono tali progetti. I dibattiti sulla fantomatica “ideologia gender”, promossi e divulgati dai associazioni quali Pro Vita e Manif Pour Tous, purtroppo non sono ancora stati chiusi. Queste associazioni, dalla finalità poco chiara, diffondono informazioni non suffragate da dati scientifici che, nei mesi scorsi, hanno messo in allarme i genitori degli alunni in merito a strane attività che, a detta di tali associazioni, sarebbero state effettuate all’interno delle scuole. Casualmente questi allarmismi, rivelatisi poi infondati, si sono verificati mentre in parlamento si discuteva dell’approvazione del disegno di legge sulle unioni civili…

Oggi queste stesse associazioni potrebbero essere dietro i progetti che vengono presentati nelle scuole. In alcuni casi, i responsabili scientifici di questi progetti potrebbero essere molto vicini a personaggi noti per aver rilasciato pubblicamente affermazioni come “l’omosessualità è un male di vivere che viene da dentro e l’unica soluzione è correggerlo” o “le unioni civili provocheranno l’aumento dei casi di femminicidio”.
Va ricordato che già dal 1990 l’omosessualità è stata definitivamente cancellata dall’elenco del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali.
Tali dichiarazioni, oltre a essere contrarie alle affermazioni scientifiche, sono in totale contrasto con gli obiettivi di una scuola che si propone di essere “inclusiva” e che vuole porre al centro della propria attività il rispetto della persona e dei diritti umani.

In sintesi, questi sono i passaggi da tener presenti quando progetti legati ai temi dell’educazione all’affettività e alla sessualità vengono sottoposti all’attenzione dei dirigenti scolastici e dei docenti:

  • leggere attentamente i contenuti del progetto;
  • effettuare delle ricerche per individuare i responsabili scientifici dei progetti e le persone e/o associazioni a cui si ispirano;
  • avere sempre come punto di riferimento informazioni corrette dal punto di vista scientifico, con fonti verificabili, poiché questo è l’unico modo per mettere a tacere eventuali false convinzioni legate agli argomenti trattati.

    ricorso-scuola-2016

La Formica Viola, impegnata nella diffusione di informazioni corrette al fine di promuovere a livello sociale l’educazione ed il rispetto delle differenze, è a disposizione di docenti, dirigenti scolastici e genitori che avessero bisogno di chiarimenti. Vi invitiamo a contattarci per segnalarci eventuali dubbi sull’attendibilità e sul rigore scientifico dei progetti proposti nelle scuole.